Prevenzione Bullismo e Cyberbullismo

ATTIVITÁ DELL’ISTITUTO PER LA PREVENZIONE DEI FENOMENI DI BULLISMO E CYBERBULLISMO COME DA LEGGE 71/2017

Disposizioni a  tutela dei minori per la prevenzione e il contrasto del fenomeno del cyberbullismo

La legge 71/2017, Disposizioni a  tutela dei minori per la prevenzione e il contrasto del fenomeno del cyberbullismo, prevede che nelle scuole vi sia un Referente che coordini le attività di prevenzione  e al quale rivolgersi in caso di presunte azioni di bullismo/cyberbullismo.

Nel nostro Istituto la figura del Referente è stata affiancata, come da indicazioni ministeriali, da un team che, nella scuola secondaria di primo grado, si occupa del fenomeno. La squadra è formata da un docente e da una ausiliaria debitamente formati. Sono stati inoltre predisposti una apposita modulistica per libera segnalazione di alunni e/o adulti (sia personale interno alla scuola che genitori) e un Protocollo d’azione per gestire le problematiche emerse. Il team lavora costantemente all’aggiornamento delle procedure (seguendo le indicazioni più innovative ed efficaci) e al materiale inserito nel sito della scuola nel quale vi è un apposito spazio dedicato ai temi e alle iniziative di prevenzione e conoscenza del fenomeno.

Costanti sono la collaborazione con le Forze dell’Ordine per gli incontri di prevenzione, l’attivazione di iniziative nelle classi, soprattutto della scuola secondaria, per formare gli stessi alunni sul tema e creare un modello di peer education che abbia ricadute positive sulla prevenzione, l’individuazione, la segnalazione e l’intervento contro i fenomeni di bullismo e cyberbullismo.

 

FASI  DI ATTIVAZIONE DEL PROTOCOLLO  CONTRO IL BULLISMO E IL CYBERBULLISMO

  1. PRIMA SEGNALAZIONE: avviene da parte della vittima, dei genitori, di un docente, di personale ausiliario compilando gli appositi moduli scaricabili dal sito o disponibili in cartaceo;
  2. VALUTAZIONE APPROFONDITA: i membri della Commissione preposta, vista la segnalazione, fanno una valutazione del caso entro tre giorni per definire la strategia di intervento;
  3. SCELTA DELL’INTERVENTO: a seconda del grado di gravità si evidenziano cinque possibili modalità di intervento (approccio educativo con la classe, intervento individuale, gestione della relazione, coinvolgimento della famiglia, supporto intensivo a lungo termine o di rete) tra le quali la Commissione sceglie quella più indicata;
  4. MONITORAGGIO A BREVE, MEDIO E LUNGO TERMINE

IL TEAM PER LA PREVENZIONE DEI FENOMENI DIBULLISMO E CYBERBULLISMO

Referente per il bullismo e cyberbullismo: prof.ssa Francesca Gabrielli

Nel nostro Istituto, a partire dall’a.s. 2018/19, è stato creato un gruppo di lavoro per la prevenzione dei fenomeni di bullismo e cyberbullismo.

Il team è composto dalla prof.ssa Francesca Gabrielli (già Referente per il bullismo), dal prof. Stefano Piasentini e dalla ausiliaria sig.ra Nicoletta Boldrin: a loro è possibile  rivolgersi in orario scolastico e/o previo appuntamento per discutere e segnalare casi di presunto bullismo e cyberbullismo.

Per appuntamenti e contatti: 041 920852

MODULISTICA

Segnalazione – Modello ALUNNI

Segnalazione – Modello ADULTI